Back

Una “bussola” per la Nuova via della Seta

In primo piano Mostra in homepage

Una “bussola” per la Nuova via della Seta

Una “bussola” per la Nuova via della Seta

Una “bussola” per la Nuova via della Seta

Bilancio positivo dell’evento promosso dalla Banca Popolare di Puglia e Basilicata e Class Editori per gli imprenditori pugliesi, tenutosi nel corso della ultima edizione della Fiera del Levante di Bari. Titolo dell’iniziativa “Belt & Road:  un’opportunità per le imprese pugliesi”. Davvero tanti e stimolanti gli approfondimenti emersi nel corso dell’appuntamento che – ricordiamo – ha avuto al centro il grande progetto di sviluppo economico globale lanciato dal Presidente Xi Jinping nel 2013 sulla “Nuova Via della Seta”.

Di questo si è parlato nel corso di questa interessante iniziativa, che si è tenuta venerdì 20 settembre,  presso il Centro Congressi della Fiera del Levante.
A portare i saluti del Presidente della Regione Michele Emiliano è stato l’Assessore Mino Borraccino.

“Già nel 2017 – ha dichiarata Borraccino – l’allora premier Paolo Gentiloni, arrivando a Pechino per una visita di stato, affermava che la “Via della Seta”,  il maxi progetto di collegamento infrastrutturale, marittimo e terrestre, tra Asia e Europa, è una grande occasione che l’Italia non può perdere.

L’assessore ha poi sottolineato come la Regione Puglia già da tempo ha costruito e rafforzato una serie di rapporti commerciali e di partenariati con la Cina, perfettamente inquadrabili nel quadro strategico della “Nuova via della Seta”, con reciproci vantaggi per il mondo imprenditoriale e della ricerca.

Ora si tratta di mettere in campo – ha proseguito poi Borraccino - uno sforzo corale per realizzare al meglio le opportunità rese possibili da questa grande novità. Le risorse e le agevolazioni ci sono: gli attori sociali sono chiamati ad approfittarne, sviluppando linee di crescita e opportunità occupazionali. La Regione, e in particolare l’Assessorato allo sviluppo economico, darà il suo contributo, mettendo in atto misure di aiuto mirate e cofinanziando le buone iniziative imprenditoriali”.

Insomma, quella che ha voluto la Banca Popolare di Puglia e Basilicata è stata una giornata di informazione proficua riservata alle aziende sulle opportunità che l'iniziativa Belt&Road sta aprendo sia in Cina che nei 70 paesi che finora hanno aderito al progetto.

Il progetto sta interessando 70 paesi nel mondo rappresentanti il 65% della popolazione globale e il 40% del PIL mondiale, al 2017, Cina inclusa.

Ricordiamo che tale iniziativa è stata fortemente voluta dalla Banca Popolare di Puglia e Basilicata, tenendo conto del fatto che la Puglia è una delle regioni più attive nei rapporti con la Cina e l'unica che l'anno scorso ha partecipato al China International Import Expo,  la prima e più importante fiera cinese aperta ai mercati di tutto il mondo.

Agli imprenditori pugliesi sono state fornite particolari e precise indicazioni su come muoversi rispetto a queste emergenti opportunità di sviluppo imprenditoriale.

Banca Popolare di Puglia e Basilicata è ben conscia del fatto che il mercato cinese è per le nostre aziende un’autentica leva di crescita, anche se si tratta di un mercato articolato su cui bisogna muovere questi primi passi con molta accortezza.

Diversi e prestigiosi i relatori italiani e cinesi che nel corso della giornata del  20 settembre si sono avvicendati, tra questi il Presidente di Banca Popolare di Puglia e Basilicata, Leonardo Patroni Griffi. Insieme a lui da segnalare la presenza anche di Paolo Panerai (ceo di Class Editori) e Huang Yong (Xinhua), che ha spiegato la funzione della piattaforma realizzata da Class Editori in collaborazione con Xinhua (classxhsilkroad.it), il più importante gruppo media della Cina.

Si è parlato, fra gli altro, del nuovo sistema di cooperazione internazionale e del ruolo ricoperto dalle Università, dei dati chiave relativi alle relazioni economiche e commerciali fra Cina e Italia oltre che delle infrastrutture e del rapporto fra le banche dei due paesi. Inoltre, un ruolo importante lo hanno avuto le testimonianze di successo degli imprenditori italiani.

Erano presenti all’evento i rappresentanti delle istituzioni, imprenditori, studiosi e professionisti dell’informazione che hanno affrontato il tema ad ampio spettro, dando rilievo agli argomenti di interesse maggiore.

Dopo i saluti introduttivi del Presidente Patroni Griffi, sono intervenuti Li Bin (Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese), dell’Ambasciata italiana a Pechino, di Pasquale Casillo (Fiera del Levante) e Domenico De Bartolomeo (Camera di Commercio Bari).

Zhang Xiangcheng (University of Cambridge) ed Emanuele De Gennaro (Università Lum Jean Monnet) hanno portato il loro punto di vista precedendo Carlo Maria Ferro (ICE), che ha esplicato quali siano le vie di sviluppo da seguire. Inoltre si è discusso del ruolo delle infrastrutture, tema affidato a Tiziano Onesti di “Aeroporti di Puglia”, mentre altri ospiti sono stati invitati a condividere personali esempi di successo, tra questi citiamo: Pasquale Natuzzi (Natuzzi), Domenico Favuzzi (Exprivia), Vincenzo Fiore (Auriga), Mario Aprile (Organizzazione Aprile).

Come devono muoversi le imprese pugliesi rispetto all’opportunità della BRI? I diversi aspetti sono stati illustrati da Marina Brogi (Università di Roma – «La Sapienza»), Marco Bettin (Fondazione Italia Cina, Camera di Commercio italo cinese), Ernesto Somma (Invitalia), Antonio De Vito (Puglia Sviluppo), Alessandro Decio (Sace Simest).

Infine, prima delle note conclusive di Michele Geraci, già sottosegretario del ministero dello Sviluppo economico, si è parlato delle possibili forme di interazione fra gli istituti bancari italiani e cinesi, con Patroni Griffi, Jiang Xu (Bank of China), Pietro Candela (Alipay), Shi Chen (Icbc), Gao Yunfeng (Union Pay). L’incontro, condotto da Andrea Cabrini (Class Cnbc) è stato realizzato in collaborazione con Università “Lum Jean Monnet”, con il supporto di Auriga, Casillo, Organizzazione Aprile, Exprivia-Italtel e Natuzzi.

Un evento che ha riscosso molto successo ed è stata occasione favorevole finalizzata alla comprensione di dinamiche utili per le aziende al fine di sfruttare in modo utile le opportunità che la Nuova Via della Seta ha da offrire.

label_multimedia

23 September 2019